· Città del Vaticano ·

Il racconto del ritrovamento del disegno di una croce nell’Anfiteatro Flavio

La preghiera anonima del Colosseo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 dicembre 2021
Quattordici piccole croci, come le stazioni della Via Crucis, la maggior parte delle quali incise nel travertino o disegnate sugli intonaci, mescolate a rappresentazioni apotropaiche, mimetizzate fra iscrizioni di date e nomi di uomini e donne di varie epoche e provenienze geografiche. Sono i signa fidei effigiati nei secoli sulle pareti del Colosseo da cristiani passati in quel luogo. L’ultimo di essi a essere scoperto, il quattordicesimo, è disegnato in rosso, e si trova nel corridoio di servizio che immette nel terzo livello dell’Anfiteatro Flavio, il settore riservato al popolo, a circa trenta metri di altezza dal piano stradale. Il riconoscimento del graffito si deve al professor Pier Luigi Guiducci, storico della Chiesa e docente universitario romano, che qualche anno fa, scorrendo alcune fotografie relative ai lavori di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati