· Città del Vaticano ·

Cronache da un viaggio implicito

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 dicembre 2021
Nella sua dimensione professionale, Stefania Falasca è una vera giornalista perché mette parole autentiche su fatti e persone inseriti nella piena realtà del tempo e dello spazio. Lo dimostra la prolungata attività di reportage non puramente cronachistico, così come la costante sollecitazione etica e socialmente sensibile nei confronti dei suoi interlocutori, nei suoi commenti, nelle sue interviste, effettuate spesso a personalità internazionali. Cosa c’è di meglio, per un vero giornalista, di un libro di raccolta delle esperienze vissute e osservate per tutto il mondo e, in particolare, nei luoghi più problematici e, in molti casi, drammatici, della Terra? Sarebbe comprensibile, e risulterebbe perfino conseguente nell’aspettativa del mestiere, che una (brava) giornalista ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati