· Città del Vaticano ·

La denuncia di Amnesty International e Human Right Watch

Nuove atrocità nel Tigray

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 dicembre 2021
Addis Abeba , 17. Continua ad aggravarsi la situazione della popolazione inerme in Etiopia, che paga il prezzo più alto di una guerra che continua a espandersi e che ha già causato una serie di massacri perpetrati dalle parti coinvolte. Secondo le nuove prove raccolte da Amnesty International e Human Rights Watch (Hrw), «diversi civili tigrini in fuga dalla violenza sono stati attaccati e uccisi, mentre numerosi altri sono tuttora detenuti in condizioni equivalenti alla tortura, ridotti alla fame e privati delle cure mediche». Le due organizzazioni per i diritti umani hanno denunciato in un rapporto congiunto, pubblicato ieri, che le forze di sicurezza degli Amhara — alleate dell’esercito governativo etiope — sarebbero responsabili di arresti di massa, uccisioni ed espulsioni forzate di tigrini nella parte ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati