· Città del Vaticano ·

Salute mentale

Dialogo e ascolto del paziente

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 dicembre 2021
Rispetto alla salute mentale siamo consapevoli si tratti, innanzitutto, di un diritto universale? Lo riconosciamo davvero come tale, scisso da qualsiasi forma di pregiudizio, ghettizzazione, stigma? «Non si può discutere di salute senza prendere le mosse dall’articolo 32 della Carta costituzionale, punto di partenza ed approdo di un diritto tanto fondamentale quanto, nella sua applicazione, di facile negazione, in cui si afferma che la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti… La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana», ricorda la psichiatra Paola Bossi, direttore Dsmi Asl Noaou Maggiore della Carità di Novara, sottolineando che, in esso, viene ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati