· Città del Vaticano ·

Annuncio di liberazione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
17 dicembre 2021
Dall’Oriente all’Occidente si odono le grida di liberazione: dei bambini abusati e sfruttati; dei migranti respinti con violenza alle frontiere; dei naufraghi alla deriva in mezzo all’indifferenza; delle donne che subiscono violenza e sono uccise; dei gruppi etnici coinvolti in guerre assurde; dei poveri e scartati lasciati nella miseria; delle vittime dell’integralismo; di chi ha fame e sete di giustizia; del creato ferito mortalmente. Quest’anno il periodo di Avvento comincia con le parole di Gesù che annuncia la liberazione: «Risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina». La via del popolo indica il luogo teologico dove Dio preferisce manifestarsi in questo cambio epocale. Non elimina le altre strade, quelle dell’autorità, dei carismi e dei gruppi selezionati per la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati