· Città del Vaticano ·

A colloquio con Andrea Iacomini portavoce di Unicef Italia

Per non lasciarli morire

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 dicembre 2021
Stanno pagando il prezzo più alto e le luci dei riflettori dei media appaiono sempre più tenue. I bambini afghani rischiano ogni giorno di morire per malnutrizione grave. L’accesso alle cure mediche gli viene spesso negato a fronte di un sistema sanitario al collasso. I loro bisogni umanitari aumentano di giorno in giorno a causa della siccità, di mancanza di sicurezza, dei continui sfollamenti, e delle devastanti conseguenze socio-economiche della pandemia da covid-19. E poi c’è l’inverno che si fa sentire soprattutto nelle aree rurali. «Il quadro generale del Paese è peggiorato. La fame imperversa ovunque. Una famiglia su due non ha nulla da mangiare» spiega Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia, sottolineando che «sono oramai 14 milioni i bambini e le bambine che hanno urgente ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati