· Città del Vaticano ·

Il Paese dopo il ritorno al potere dei Talebani

In attesa di un futuro accettabile

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 dicembre 2021
L’Afghanistan versa in uno stato di grave precarietà sin da quando i Talebani hanno assunto il potere nel mese di agosto. Le sanzioni imposte dai governi occidentali hanno portato il sistema sanitario al collasso. Sono presenti tanto focolai di malattie infettive che non possono essere curati in maniera adeguata quanto una crisi di malnutrizione provocata dalla carestia che affligge il Paese. Medici ed infermieri, in alcuni casi, non vengono pagati da mesi e mancano farmaci ed attrezzature per curare i malati. Queste difficoltà hanno conseguenze drammatiche soprattutto sui vecchi e i bambini. Il dottor Paul Spiegel, direttore del Center for Humanitarian Health presso la Johns Hopkins University, ha riferito, come riportato dall’Ansa, che «ci sono sei epidemie simultanee: colera, morbillo, poliomielite, malaria e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati