· Città del Vaticano ·

Sulle strade dell’ecumenismo

Per una testimonianza sempre più efficace

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 dicembre 2021
«Per una fruttuosa discussione sul loro comune desiderio di cercare una più perfetta unità nello Spirito santo, e per uno scambio di opinioni su come le loro Chiese possano dare una testimonianza più efficace del Vangelo in un mondo che si avvicina a un nuovo millennio nella storia della salvezza»: queste parole furono sottoscritte da Giovanni Paolo ii e da Karekin i, patriarca supremo e catholicos di tutti gli armeni, il 13 dicembre 1996, a Roma, nella Dichiarazione comune che ha segnato un nuovo inizio dei rapporti tra cattolici e apostolici armeni, decisi a riaffermare il reciproco desiderio che li guidava nella costruzione dell’unità visibile della Chiesa, così da realizzare un preciso comando di Cristo. La dichiarazione sottolineava «la profonda comunione spirituale» che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati