· Città del Vaticano ·

Il nuovo racconto di Daniel Mendelsohn «I tre anelli»

La lunga caccia all’uomo diverso

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 dicembre 2021
Il procedimento mentale, desolatamente e grandiosamente umano, che può riassumere il senso de I tre anelli, il nuovo racconto di Daniel Mendelsohn (Torino, Einaudi, 2021, pagine 120, euro 16, traduzione di Norman Gobetti) è l’aporia: non l’espediente narrativo degli anelli omerici, fatto di narrazioni nella narrazione, né l’ossimoro, la contiguità di termini contrapposti per senso, né la metafora o qualsiasi delle figure narrative e poetiche che ancora oggi ci ostiniamo a chiamare impropriamente retoriche. Ne I Tre anelli incombe la contraddizione inesausta, primitiva, espressa approssimativamente dalle umane parole: quella della poesia e del racconto dopo l’olocausto, quella del mentitore che afferma di mentire anche ora che si rivolge a noi, quella di Odisseo che nasconde se stesso, tentando la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati