· Città del Vaticano ·

In rete

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 dicembre 2021

Un viaggio attraverso i secoli
nella basilica di Santa Maria Maggiore

Custodisce l’icona della Salus populi romani che Papa Francesco alla vigilia e alla conclusione di ogni suo viaggio raggiunge per un momento di affidamento, preghiera e ringraziamento. La basilica papale di Santa Maria Maggiore è uno scrigno di storia e bellezza visitabile, per chi è distante dalla città di Roma, anche sul sito internet (www.vatican.va/various/basiliche
/sm_maggiore/index_it.html).

Un viaggio digitale attraverso i secoli per il «tempio mariano per eccellenza e culla della civiltà artistica, che rappresenta un punto di riferimento per i cives mundi che da ogni parte del globo giungono nella Città Eterna per gustare ciò che la basilica offre attraverso la sua monumentale grandezza».

Una sezione del portale è dedicata al museo della basilica inaugurato nel 2001, nella solennità dell’Immacolata Concezione, da san Giovanni Paolo ii. Santa Maria Maggiore è chiamata anche “Betlemme d’Occidente” perché conserva, secondo la tradizione, la reliquia della “sacra culla”. Le pagine web ricordano la rievocazione in una solenne celebrazione, ogni 5 agosto, del “miracolo della nevicata” e la storia del Capitolo liberiano, il collegio sacerdotale di nomina pontificia — con il compito di assolvere alle funzioni liturgiche più solenni e al servizio pastorale della basilica — presieduto dal cardinale Stanisław Ryłko, arciprete della basilica papale di Santa Maria Maggiore.

Il duomo di Torino accoglie
il presepe dalla Basilicata

Il duomo di Torino accoglie, sino al 2 febbraio 2022, il presepe monumentale della Basilicata, centoventi personaggi realizzati dal maestro presepista Francesco Artese e benedetti dall’arcivescovo Cesare Nosiglia. La Natività è stata ricostruita nel paesaggio dei Sassi di Matera. Nelle scene vengono anche rappresentati san Giovanni Bosco, san Domenico Savio e il beato torinese Pier Giorgio Frassati, i cui resti mortali sono conservati all’interno del duomo. Sul sito diocesano www.diocesi.torino.it vi è uno spazio dedicato alla proposta di una serie di testi e documenti per l’animazione del tempo di Avvento, condividendo appuntamenti e iniziative di associazioni, parrocchie e realtà diocesane sul territorio, tra cui l’incontro promosso con la Chiesa valdese «In dialogo con i Magi» per richiamare l’attenzione «sull’importanza di mantenere viva la ricerca di Dio».

a cura di Fabio Bolzetta