· Città del Vaticano ·

Quarant’anni fa lo sceneggiato Rai

Don Sturzo il «fegato nero»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 dicembre 2021
È classico ed eterogeneo, lo sceneggiato Don Luigi Sturzo, che quarant'anni fa (il 10 dicembre del 1981) iniziava il suo viaggio in tre puntate su RaiUno. L’idea era di Giovanni Di Capua, la sceneggiatura di Italo Alighiero Chiusano, la regia di Giovanni Fago e la consulenza storica di Gabriele De Rosa, che di Sturzo — interpretato con misura e partecipazione da Flavio Bucci — fu amico, e sul quale ha scritto molto. È classico perché, in linea con la lunga stagione degli sceneggiati Rai, impasta essenzialità e densità verbale, rigore filologico e dialoghi materici pregni di informazioni, dal peso specifico abbondante, impegnativo. È consueto per l’assenza di divagazioni dal cuore del soggetto, in questo caso dal nucleo spirituale e politico del personaggio. Lo è per l’avanzare didascalico ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati