· Città del Vaticano ·

L’arte

Naufragio di schegge

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 dicembre 2021
Spicca un’intensa carica simbolica ne Il mare di ghiaccio (1823-1824) di Caspar David Friedrich. Il sottotitolo del quadro, Il naufragio della speranza, coglie meglio rispetto al titolo l’essenza del messaggio del pittore tedesco (esponente dell’arte romantica), ovvero denunciare la deriva cui è esposta l’umanità, priva di punti di riferimento, saldi e rassicuranti. L’opera ritrae un naufragio avvenuto in un mare di ghiaccio frantumato in una miriade di pezzi: le schegge si sono accumulate dopo il terribile impatto. Sono ammassate l’una sopra all’altra e sembrano formare una montagna, dall’aspetto minaccioso ed ostile. Le punte aguzze delle schegge paiono slanciarsi verso il cielo e tale particolare contribuisce a conferire al quadro una potente slancio, nel segno di una dinamicità già attestata dalle acque del ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati