· Città del Vaticano ·

Lesvos

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 dicembre 2021
«Odisseo / seduto sulla riva, gemeva come sempre / lacerandosi l’animo con lacrime, lamenti e dolori, / guardava piangendo il mare infecondo» (Odissea, Libro v – 155). Come nelle avventure di Ulisse nell’Odissea, questa è la storia della fuga e della ricerca in mare di ciò che la terra porta via. Tre millenni dopo, Itaca è ancora difficile da raggiungere, e l’epopea divina è stata sostituita da muri e filo spinato dove l’eredità della democrazia occidentale e dei diritti umani è naufragata. È lo stesso mare in cui, fuggendo da città assediate in Siria e in Iraq e approdando proprio sulle isole dove è nata la cultura che avrebbe poi plasmato la nostra identità occidentale, si è fermato il futuro dei tre ragazzi di 12, 14 e 15 anni. La loro vita ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati