· Città del Vaticano ·

A colloquio con Lorenzo Castellani, autore de «L’ingranaggio del potere»

La tecnica in cerca di etica

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
14 dicembre 2021
Il potere si muove come un orologio. Tic, tac. L’ingranaggio detta il ritmo, le lancette ruotano. Oggi gli esperti decidono e i politici comunicano. Insomma, il potere è un ibrido: si chiama tecno-democrazia. È questo il termine centrale nel saggio di Lorenzo Castellani, assegnista di ricerca e docente in Storia delle istituzioni politiche presso la Luiss Guido Carli di Roma, dal titolo «L’ingranaggio del potere», uscito nel 2020 per Liberilibri. L’antica idea di rappresentanza, che trovava il suo centro nel rapporto tra uomo e società, non esiste più. È stata sostituita dal rapporto tra uomo e tecnica. L’Italia sembra essere la culla della tecno-democrazia: da vent’anni, in tempi di crisi, i politici vengono sostituiti dai tecnici. Che succede? Negli anni ‘90 l’Italia si esponeva ai ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati