· Città del Vaticano ·

I dati inquietanti di un rapporto della Fao

Sulle terre coltivabili siamo al punto di rottura

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 dicembre 2021
Il peggioramento dello stato del suolo e delle risorse idriche mette a serio rischio la possibilità di nutrire la popolazione mondiale, che dovrebbe sfiorare i dieci miliardi entro il 2050. L’aumento del 50 per cento di cibo necessario, infatti, potrebbe tradursi in un incremento dei prelievi di acqua per l’agricoltura fino al 35 per cento, causando disastri ambientali, competizione per le risorse, alimentando nuove sfide e conflitti sociali. A dirlo è il nuovo rapporto della Fao, «Lo stato della terra e delle risorse idriche nel mondo per Agroalimentare - Sistemi al punto di rottura (SOlaw 2021)», presentato la scorsa settimana. «Gli attuali modelli di agricoltura non si stanno dimostrando sostenibili», commenta il direttore generale della Fao, Qu Dongyu, «eppure, l’agricoltura può ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati