· Città del Vaticano ·

Ricordo della scrittrice statunitense Anne Rice

Quando la narrativa gotica si nutre della tensione spirituale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 dicembre 2021
Fu un avvenimento tragico a far scattare in Anne Rice l’ispirazione a scrivere romanzi (si sarebbe poi specializzata in quelli gotici, horror e fantasy). La morte della sua bambina di cinque anni la prostrò ma, al contempo, creò le condizioni perché si immergesse a capofitto nel lavoro per cercare di fare fronte a un dolore che, in realtà, non le sarà mai possibile superare del tutto. La scomparsa, a ottant’anni, della scrittrice statunitense (l’11 dicembre) lascia un grande vuoto nella letteratura del genere. Complessivamente ha venduto più di cento milioni di copie, divenendo una delle autrici horror di maggior successo della storia moderna. Va sottolineato che se la fama della scrittrice è legata soprattutto al mondo, da lei magistralmente evocato, di vampiri e di streghe, meno nota ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati