· Città del Vaticano ·

La denuncia di Human Rights Watch sulle uccisioni sommarie

Civili massacrati nel Tigray

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
11 dicembre 2021
Addis Abeba , 11. Le forze del Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf) — in conflitto da oltre un anno con le truppe federali governative in Etiopia — avrebbero «giustiziato sommariamente dozzine di civili» in due città da loro controllate nella regione settentrionale degli Amhara, tra il 31 agosto e il 9 settembre 2021. Lo denuncia Human Rights Watch (Hrw), sottolineando che questi omicidi evidenziano «l’urgente necessità che il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite istituisca un’indagine investigativa internazionale sugli abusi perpetrati da tutte le parti in causa nel conflitto esteso del Tigray». Secondo il rapporto, lo scorso 31 agosto le forze del Tigray sono entrate nel villaggio di Chenna, dove sono registrati pesanti combattimenti con le forze federali etiopi e le ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati