· Città del Vaticano ·

Un istituto europeo nel rispetto dell’uomo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
10 dicembre 2021
Un carcere modello per tutta l’Europa, il cui faro sia la rieducazione e il rispetto della dignità del condannato. Un luogo in cui gli spazi verdi non siano occupati, come accade sempre più spesso, da nuovi padiglioni e posti letto supplementari; dove le celle, o “stanze di pernottamento” che dir si voglia, prevedano bagni separati e angoli cottura dove il detenuto possa, se vuole, cucinare il proprio cibo. Dove il momento dei colloqui con i familiari sia sacro, perché è questo appuntamento che scandisce la vita dei detenuti. Un carcere, dunque, che rispetti le norme stabilite dalla Corte di Giustizia europea, da realizzare nella stessa città che ha vissuto la rivoluzione Basaglia per l’abolizione dei manicomi: Gorizia. Ad immaginare questo progetto visionario di un “carcere europeo”, inserito in un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati