· Città del Vaticano ·

L’ultima nell’ultimo

Incontro alla luce

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 dicembre 2021
I n Sogni di Bunker Hill (Einaudi, 2016, traduzione di Francesco Durante) ultima opera in assoluto di John Fante (1909-1983) e quarto romanzo della saga del suo alter ego Arturo Bandini, si scrivono continuamente lettere. Ci sono quelle che la cattolicissima mamma del protagonista inoltra al figlio; quelle che il surreale Duca di Sardegna invia, sottoforma di poesie, all’amata; e, tra le tante, quelle di Bandini stesso, le quali risultano perlopiù indirizzate alla famiglia rimasta in Colorado, alle donne in cui si imbatte a Los Angeles, ai “maestri” dell’industria cinematografica con cui ha a che fare, a soli ventun anni, e con cui lavora nell’attesa di diventare un grande, grandissimo scrittore. Ed è lo stesso romanzo — romanzo breve di 26 capitoli, in un certo senso autobiografico — che, a ben vedere, rappresenta una ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati