· Città del Vaticano ·

Lo scienziato

Einstein e Spinoza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 dicembre 2021
Nel 1954, un anno e mezzo prima della morte, Albert Einstein scrisse la Lettera su Dio. La missiva, lunga una pagina e mezza e indirizzata al filosofo Eric Gutkind, contiene la parola “Dio” solo una volta: tuttavia è considerata un importante documento storico perché contribuisce a chiarire la complessa posizione di Einstein sulla religione. Per lo scienziato la Bibbia si configura come «una collezione di venerabili leggende» ma nel formulare tale valutazione si manifesta con vigore il suo anelito a reperire, per eleggerlo a proprio sostegno, un riferimento solido e rassicurante nell’universo, dalle svariare sfaccettature, da lui indagato per svelarne e codificarne dinamiche, implicazioni e segreti. Einstein non si è mai definito ateo ma la dimensione scientifica — nella sua interpretazione del reale e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati