· Città del Vaticano ·

Oltre cento morti negli scontri tra militari e miliziani

Sanguinoso attacco in Niger alla sede del g5 Sahel

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 dicembre 2021
Niamey , 6. Nuovo massiccio attacco jihadista in Niger contro una base militare della forza internazionale g5 Sahel. Almeno 79 miliziani e 29 soldati nigerini sono rimasti uccisi, sabato scorso, in intensi combattimenti nell’ovest del Paese, nella zona detta delle «tre frontiere». L’area comprende Niger, Burkina Faso e Mali ed è tra le più pericolose del Sahel. Gli scontri sono avvenuti a cinque chilometri dalla località di Fantio, nella regioni di Tillabéri, tra militari e «centinaia di terroristi» armati, come comunicato ieri il ministro della Difesa nigerino. Gli assalitori, non ancora identificati, hanno preso di mira a bordo di motociclette le strutture militari, prima di aprire il fuoco sugli occupanti. «I feriti sono una decina, mentre decine di terroristi sono stati ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati