· Città del Vaticano ·

L’Unhcr chiede interventi più consistenti per affrontare la crisi

Fame e freddo minacciano milioni di persone in Afghanistan

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 dicembre 2021
Kabul, 6. In Afghanistan la fame ha raggiunto livelli assolutamente senza precedenti: quasi 23 milioni, ovvero il 55 per cento della popolazione, soffre gravemente la carenza di cibo e, di questi, quasi 9 milioni sono a rischio carestia. Una vera e propria crisi umanitaria che affligge il Paese e che si aggrava in maniera inarrestabile giorno dopo giorno. Con l’arrivo dell’inverno, si fanno urgenti le necessità delle persone in fuga, circa settecentomila. Per questa ragione l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), chiede di assicurare un sostegno molto più consistente ai 3,5 milioni di sfollati interni in Afghanistan e anche alle persone in fuga. La carenza di alloggi coibentati e di indumenti pesanti, la disponibilità ridotta di combustibili per il riscaldamento e la quantità inadeguata di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati