· Città del Vaticano ·

L’agricoltura sostenibile e il peso della transizione ecologica

Dimmi come mangi ti dirò quanto inquini

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
06 dicembre 2021
Musanobu Fukuoka ha scritto che quando cambiamo il modo di coltivare il nostro cibo, cambiamo il nostro cibo, cambiamo la società, cambiamo i nostri valori. Oggi sta giungendo l’epoca delle rivalutazioni alla luce dei cattivi presentimenti, per cui, secondo Fukuoka, si potrebbe, sempre più, sperimentare il ritorno alla fonte, cioè all’agricoltura non solo sostenibile, ma autenticamente naturale, quella fatta dai buoni contadini dei paesi: per esempio utilizzando la cenere della legna e altri rifiuti organici per i piccoli orti, ma anche per la coltivazioni di riso, a volte invase dai ragni. È sbalorditivo come la cenere della legna contrasti, senza inquinare, i ragni che ostacolano le risaie di tutto il mondo, agendo più dei dannosi prodotti chimici. A Glasgow, e prima ancora al g20 sul clima, si ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati