· Città del Vaticano ·

Il futuro dell’oro nero

Il petrolio alle prese con la variante omicron

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 dicembre 2021
L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) ha deciso ieri che il piano di aumento della produzione di 400.000 barili al giorno continuerà anche a gennaio. L’Organizzazione, formata da 13 Paesi e guidata dall’Arabia Saudita, si è riunita con i rappresentanti di altri dieci Paesi, guidati dalla Russia. Il vertice è stato piuttosto inusuale: niente discorso di apertura, né una conferenza stampa finale. I delegati si sono limitati a diffondere un comunicato in cui si legge che, nonostante la diffusione della variante omicron, la produzione di greggio resterà invariata. È una decisione saggia o azzardata? Solo il tempo può dirlo. Per ora, dopo la comunicazione dell’Opec, il petrolio ha chiuso in rialzo negli scambi di ieri. Ultimamente, l’andamento del prezzo del greggio è ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati