· Città del Vaticano ·

«Racconti contagiosi» di Siegmund Ginzberg

Leggere da malati

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021
«La messa cantata dai balconi? L’ha inventata Borromeo». Ma non il cardinal Federigo, citato da Alessandro Manzoni nel suo romanzo più famoso; il Borromeo di cui si sta parlando è san Carlo, vescovo della diocesi ambrosiana, spiega Siegmund Ginzberg nel suo libro Racconti contagiosi (Milano, Feltrinelli, 2020, pagine 330, euro 18). «Nella Milano della peste del 1576 (non quella dei Promessi Sposi, che è del secolo successivo) san Carlo Borromeo fa un po’ come papa Francesco: per conciliare fede e misure anti-contagio fa pregare e cantare dai balconi, anziché in chiesa o in processione». Ritrovare nelle vecchie e nuove narrazioni la cronaca di oggi, continua l’autore, ci può aiutare a comprendere il presente. Romanzare la peste non salva la vita, ma «come ce l’hanno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati