· Città del Vaticano ·

In «Verga cristiano» di Giuseppe Savoca

La religione della famiglia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021
L’impresa è coraggiosa, perché intende portare alla luce tesori nascosti sia nella dimensione esistenziale che nell’impostazione narrativa di Giovanni Verga, la cui immagine dominate si specchia nello stereotipo di uno scrittore ateo e materialista. Con Verga cristiano dal privato al vero (Firenze, Leo S. Olschki Editore, 2021, pagine 231, euro 28) Giuseppe Savoca — professore emerito di letteratura italiana moderna e contemporanea all’università di Catania — rivisita l’opera dell’autore siciliano con l’obiettivo di stabilire, con solide e acute argomentazioni, il legame che unisce il suo essere cristiano nel privato e la “verità” che pervade e innerva i suoi capolavori. Savoca rileva che Verga ha a cuore, plasmandola nell’atto creativo della scrittura, la religione della famiglia, come significativamente ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati