· Città del Vaticano ·

Stanziati 300 miliardi di euro

L’Ue per i Paesi in via di sviluppo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021
Bruxelles , 1. Per accrescere l’importanza geopolitica dell’Ue, la Commissione europea ha aperto la strada a un piano da 300 miliardi di euro dedicato alla costruzione delle infrastrutture strategiche nei Paesi in via di sviluppo. Una mossa per fornire un’alternativa «basata sui valori» e su un «approccio etico», recita la bozza del documento reso noto oggi dall’Alto rappresentante Ue per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza, Josep Borrell. Il Global Gateway, questo il nome formale del piano di Bruxelles, mette sul tavolo 300 miliardi da far fruttare nel breve periodo, entro il 2027, in piena ripresa economica post-pandemia. Cooptando al tempo stesso il settore privato, le istituzioni finanziarie europee, le banche nazionale di sviluppo e gli Stati membri. Nel concreto, il programma darà ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati