· Città del Vaticano ·

Aumentano i bambini che vivono nelle zone di conflitto

Infanzia in guerra

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021
Roma, 1. Duecento milioni di bambini vivono nelle 13 aree di conflitto più letali al mondo; uno su sei, più di 450 milioni, vive in una zona di conflitto, mentre sono 337 milioni i bambini a rischio reclutamento da parte di forze armate, tre volte in più rispetto al 1990. È quanto emerge dal rapporto «Stop the war on Children», pubblicato da Save The Children. Dati preoccupanti aggravati, in particolare, dalle violenze scoppiate in Mozambico e ai conflitti in corso in Afghanistan, nella Repubblica Democratica del Congo, in Nigeria e in Yemen, Paesi già pesantemente colpiti dalle conseguenze della crisi climatica e con livelli di crisi alimentare potenzialmente letali. Bambine e ragazze non sono escluse e anche se rappresentano solo il 15 per cento dei casi di reclutamento secondo quanto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati