· Città del Vaticano ·

L’intenzione affidata dal Papa alla rete mondiale di preghiera per il mese di dicembre

I catechisti chiamati ad aprire strade nuove con coraggio e creatività

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021

«In tante diocesi e in tanti continenti, l’evangelizzazione è fondamentalmente nelle mani di un catechista»: per questo Francesco ha voluto dedicare a questa figura l’intenzione di dicembre, nel video mensile diffuso ieri pomeriggio dalla Rete mondiale di preghiera del Papa.

«Preghiamo insieme per i catechisti, chiamati ad annunciare la Parola di Dio, affinché ne siano testimoni con coraggio e creatività, con la forza dello Spirito Santo, con gioia e con molta pace», esorta il Pontefice.

Nelle immagini del filmato, girate nella parrocchia romana di Nostra Signora di Coromoto, catechisti e ragazzi sono alle prese con un murales, come a suggerire la necessità di attingere a nuovi linguaggi per la catechesi. “Armati” di bombolette spray, pennelli e barattoli di vernice colorata, decine di bambini e adolescenti, accompagnati dai catechisti e guidati dal writer Paolo “Gojo” Colasanti, riproducono su un muro dell’oratorio una versione attualizzata e multietnica della “lavanda dei piedi”.

«I catechisti hanno una missione insostituibile nella trasmissione e nell’approfondimento della fede» esordisce Francesco, sottolineando che «il ministero laicale del catechista è una vocazione, è una missione». Infatti «essere catechisti significa che una persona “è catechista”, non che “lavora come catechista”». In pratica «è tutto un modo di essere, e servono buoni catechisti che siano allo stesso tempo accompagnatori e pedagoghi».

In proposito il Papa avverte che «c’è bisogno di persone creative che annuncino il Vangelo» e «che lo annuncino non dico in sordina, ma nemmeno strombazzandolo»: piuttosto «lo annuncino con la loro vita, con mitezza, con un linguaggio nuovo e aprendo strade nuove».

Infine il Pontefice esprime la propria gratitudine «ai catechisti, alle catechiste, per l’entusiasmo interiore con cui vivono questa missione al servizio della Chiesa». E nel farlo chiude le intenzioni del 2021 rimarcando la loro importanza, proprio nell’anno in cui, con lettera apostolica in forma di motu proprio Antiquum ministerium, aveva istituito il 10 maggio il ministero di catechista.

Diffuso in 114 nazioni attraverso il sito internet www.thepopevideo.org, il filmato tradotto in 23 lingue è stato creato e prodotto dalla Rete mondiale di preghiera in collaborazione con l’agenzia La Machi e il Dicastero per la comunicazione.