· Città del Vaticano ·

Dostoevskij e il suo editore

Fra tranelli e postille

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021
Una vicenda dai risvolti quasi drammatici La vicenda editoriale della produzione letteraria di Dostoevskij, quando ancora lo scrittore era in vita, presenta dei tratti talvolta romanzeschi fino ad assumere dei risvolti decisamente drammatici. Nel 1865 aveva firmato con l’editore Stellovskij di San Pietroburgo un contratto per la pubblicazione della Raccolta completa delle opere, che sarebbe uscita in quattro volumi tra il 1865 e il 1870. La collana ideata dall’editore, che fino a quel momento si era occupato principalmente di edizioni musicali, era quella della «Sobranie sočinenij russkich avtorov» (Collezione delle opere degli autori russi), che aveva preso l’avvio nel 1861 e aveva visto l’uscita dei lavori, oltre che di Dostoevskij, anche di L. Tolstoj, A. Pisemskij, V. Krestovskij, M. Avdeev e di diversi altri scrittori ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati