· Città del Vaticano ·

Nel libro di Mario Avagliano e Marco Palmieri

Cronache dall’Italia di «Paisà»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 dicembre 2021
La Resistenza alle forze di occupazione tedesca nel Mezzogiorno d’Italia, con l’eccezione delle “quattro giornate di Napoli”, rappresenta una pagina ancora poco nota, che fatica a trovare spazio nella memoria collettiva del Paese. Eppure all’indomani dell’8 settembre, sia attraverso casi di militari che rifiutarono di consegnare le armi ai nazisti sia per l’opposizione popolare spontanea, fu proprio al Sud che cominciò ad abbozzarsi quella Resistenza che avrebbe coinvolto il resto d’Italia consolidandosi nell’Appennino tosco-emiliano e nelle regioni del Nord, dove l’occupazione nazista fu più prolungata. E che fosse un capitolo considerato secondario allora anche dai vertici del Comitato di liberazione nazionale (Cnl), lo confermò a distanza di molti anni Vittorio Foa: «Il Mezzogiorno non esisteva per noi... Io, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati