· Città del Vaticano ·

A colloquio con Etsuro Sotoo, capo scultore della Sagrada Família

Lo scalpellino di Gaudí

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 novembre 2021
di Chiara Curti Etsuro Sotoo (Fukuoka, 1953) è il capo scultore della basilica della Sagrada Família di Barcellona. Ha iniziato a lavorarvi quando aveva 25 anni, nel 1978. Sono sue centinaia di sculture. Ha completato la facciata della Natività cominciata da Gaudí e dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 2005 scolpendo il gruppo dei 15 angeli (2000) e le 6 porte per la stessa facciata (2015). Tra le sue opere spiccano i pinnacoli decorati con frutti che coronano il tempio. Sotoo — che ha ricevuto il battesimo il 3 novembre 1991 con il nome di Lluc Michelangelo — ha ideato l’interno della Torre di Gesù Cristo, di prossima realizzazione e, con la sua équipe, l’esterno della Torre di Maria. Sono 43 anni che lavora nel Tempio della Sagrada Família. Ora è capo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati