· Città del Vaticano ·

A Palazzo Barberini una mostra su Caravaggio e Artemisia

La sfida di Giuditta

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 novembre 2021
Un unico soggetto, l’episodio biblico di Giuditta ed Oloferne, e trentuno quadri. La mostra a Palazzo Barberini (fino al 27 marzo 2022), esemplarmente curata da Maria Cristina Terzaghi, spicca anzitutto per l’originalità dell’impostazione narrativa. Tendenzialmente si è portati a esporre una folta schiera di quadri, con annessa un’ampia varietà di temi, a firma di un solo artista. L’essere andati “controcorrente” ha prodotto un risultato di alto livello, garantito anzitutto dalla presenza di due pittori eccelsi — Caravaggio e Artemisia Gentileschi — che su quell’episodio hanno rispettivamente costruito una tela giudicata, all’unanimità, un capolavoro. «Dio lo ha colpito per mano di donna»: così Giuditta, giovane ebrea di Betulia, commenta nella Bibbia il suo atto che portò Israele ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati