· Città del Vaticano ·

#CantiereGiovani

Il coraggio di mettersi in gioco

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 novembre 2021
Bastano alcuni numeri e delle coordinate geografiche per capire l’importanza del “Don Bosco Global Youth Film Festival”, il cui evento finale si è svolto il 19 novembre a Torino presso il teatro dell’istituto salesiano di Valdocco dove l’opera del Santo dei Giovani ha avuto inizio: 1.686 corti, 116 nazioni partecipanti, più di 10 lingue usate, 36 premi in denaro consegnati da 5000 a 2500 euro, le proiezioni in 270 luoghi di 50 Paesi. È stato un progetto unico nel suo genere per coinvolgere i giovani a livello mondiale nell’elaborazione di cortometraggi sul tema Mossi dalla speranza, oggi più che mai necessaria in un mondo segnato dalla pandemia, da guerre e calamità naturali. Essendo un’iniziativa rivolta ai giovani, e traendo spunto da quello che proprio la pandemia ha insegnato, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati