· Città del Vaticano ·

Sempre più gravi le conseguente dell’escalation del conflitto

Oltre 9 milioni senza cibo in Etiopia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 novembre 2021
Addis Abeba , 27. È salito a oltre 9 milioni il numero di persone bisognose di aiuto alimentare nel nord dell’Etiopia devastata dalla guerra. L’allarme è stato lanciato ieri dal Programma alimentare mondiale (Pam). Si tratta del costo dell’escalation del conflitto tra il governo federale e i ribelli del Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf), che va avanti da oltre un anno e che ha già causato una grave crisi umanitaria negli Stati regionali del Tigray, degli Amhara e degli Afar. Decine di migliaia di persone sono morte nella guerra. È bene, inoltre, ricordare che la settimana scorsa il primo ministro Abiy Ahmed si è recato al fronte per guidare i soldati dell’esercito contro i ribelli tigrini. Secondo quanto riferito di recente dal Pam, la situazione si è rapidamente deteriorata ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati