· Città del Vaticano ·

«Picture Stories, 1956-1971», la mostra dedicata al fotografo siciliano Calogero Cascio

La realtà, lo stupore e le stelle

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 novembre 2021
Nel suo celebre saggio del 1980, La camera chiara, Roland Barthes annotava: «La foto è letteralmente un’emanazione del referente. Da un corpo reale, che era là, sono partiti dei raggi che raggiungono me, che sono qui; la durata dell’emissione ha poca importanza; la foto dell’essere scomparso viene a toccarmi come i raggi differiti di una stella. Una specie di cordone ombelicale collega il corpo della cosa fotografata al mio sguardo: benché impalpabile, la luce è qui effettivamente un nucleo carnale, una pelle che io condivido con colui o colei che è stato fotografato». Davanti a certe fotografie è davvero possibile sperimentare la vertigine evocata dal semiologo francese con il suo lirico accostamento di diafanità siderali e tangibilità carnali, di luminosità ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati