· Città del Vaticano ·

Domani le elezioni generali tra instabilità e tensioni

Honduras al voto

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 novembre 2021
Sono innumerevoli i motivi di interesse verso le imminenti elezioni generali in Honduras, previste per il 28 novembre. Il voto della popolazione honduregna per il presidente, i 128 membri del Congresso, i 28 rappresentanti presso il Parlamento centro-americano (Parlacen) e 298 sindaci si preannuncia infatti determinante per la continuità istituzionale della repubblica centramericana. I favoriti per la presidenza sono Nasry Asfura, sindaco della capitale Tegucigalpa e candidato conservatore del Partito nazionale dell’Honduras (Pnh) attualmente al governo, e Xiomara Castro, rappresentante di Libertà e Rifondazione, per la sinistra. Sembra però godere di un numero di consensi non trascurabile anche Yani Rosenthal, imprenditore candidato per il Partito liberale (Plh). La politica honduregna attraversa un periodo di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati