· Città del Vaticano ·

La celebrazione ebraica di Hanukkah

Festa delle luci

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 novembre 2021
La festa di Hanukkah ricorda un piccolo miracolo relativo all’olio della Menorah, il candelabro d’oro del Tempio. Nel 165 avanti Cristo, Yehudàh ha-Makkabì riesce a sconfiggere l’imponente esercito dei seleucidi, entra a Gerusalemme, si reca al Tempio e costruisce un nuovo altare al posto di quello che era stato profanato. Ebbene, di questa importante vittoria militare cosa viene ricordato ogni anno? Un dettaglio apparentemente marginale: era rimasta soltanto un’ampolla di olio puro, contenente quanto era sufficiente per illuminare la Menorah per un giorno, che durò invece per otto giorni, il tempo necessario per preparare il nuovo olio. La festa è ricordata nel Nuovo Testamento: «Ricorreva in quei giorni la festa di Hanukkah (enkainia, dedicazione) in Gerusalemme, era inverno, e Yeshùa passeggiava ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati