· Città del Vaticano ·

Si teme l’ennesimo naufragio nel Mediterraneo dopo la tragedia della Manica

Vite sospese alle porte dell’Europa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
La Valletta , 26. Un altro naufragio «sta accadendo sotto i nostri occhi!». È l’allarme lanciato nelle scorse ore da Alarm Phone. Almeno 430 persone, tra cui decine di bambini e minori, stanno rischiando di affogare in zona Sar Maltese, nel Mediterraneo centrale. Ci sono già tre morti a bordo dell’imbarcazione e una falla nello scafo. La nave si sta disintegrando e imbarca acqua. Ci sono più di cento persone sottocoperta e in caso di naufragio rimarrebbero intrappolate all’interno dell’imbarcazione. Alarm phone ha lanciato un appello alle autorità europee e a non temporeggiare con i soccorsi. «La barca è sotto la responsabilità di Malta: i naufraghi devono essere portati in Ue», scrive su Twitter l’ong. Ancora vite sospese, dunque, in balia del mare alle porte ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati