· Città del Vaticano ·

Piero Negri ricostruisce i diciotto anni impiegati da Sergio Leone per fare «C’era una volta in America»

Un elogio della lentezza e una lezione sulla rivoluzione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
Nel suo Che hai fatto in tutti questi anni (Torino, Einaudi, 2021, pagine 248, euro 20) Piero Negri ricostruisce diciotto anni che impiegò Sergio Leone a realizzare il suo capolavoro, C’era una volta in America, dal momento in cui è stato pensato per la prima volta a quello in cui è stato presentato finalmente a Cannes. Il titolo riprende la celebre conversazione («Che hai fatto in tutti questi anni?» «Sono andato a letto presto») che cita non a caso l’incipit della Recherche proustiana. Gli ultimi tre film diretti da Sergio Leone costituiscono la cosiddetta trilogia del tempo. Si parte da C’era una volta il West (1968), che segna la fine del genere spaghetti-western, attraverso quello che all’inizio si sarebbe dovuto intitolare C’era una volta la rivoluzione e che invece poi si ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati