· Città del Vaticano ·

Oltre il 38° parallelo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
Nonostante la fine della guerra fredda, resiste e non dà segni di cedimento il muro che corre tra le due Coree lungo il 38° parallelo e separa circa 70 milioni di coreani. La fascia smilitarizzata fu creata alla fine della guerra di Corea (1950-1953). Nessuna frontiera al mondo è così equipaggiata militarmente. L’ultimo pezzo di quel conflitto si chiama Korean Demilitarized Zone (Dmz), uno stretto pezzo di terra disseminata di posti di blocco, targhe e monumenti a ricordo del sanguinoso conflitto. A varcare costantemente il confine, anche se con il sistema ormai obsoleto, ma in questo caso efficace, della radio ad onde corte è l’Unification Media Group (Umg), network multimediale con sede a Seoul che, dal 10 dicembre 2005, fornisce ai cittadini nordcoreani trasmissioni radio e, quando possibile, contenuti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati