· Città del Vaticano ·

Il limite come fonte di moralità del potere

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
A 150 anni dalla nascita di don Luigi Sturzo (26 novembre 1871), credo sia importante ribadire uno dei punti fondamentali del popolarismo, la teoria politica alla quale dedicò l’intera sua vita e che oggi ci appare come l’antidoto più efficace a qualsiasi forma di “populismo”, hard o soft che sia. Ci riferiamo alla nozione di “limite” come fonte della moralità del potere. Sturzo individua tre specifiche forme di limite al potere: organica, morale e politica. Con particolare riferimento al limite organico, espresso dalla pluralità e dalla vitalità della società civile, ben più ampia e ricca della forma sociale che perimetra l’ambito del politico, egli ritiene che esso abbia come fine il raggiungimento di tre risultati. In primo luogo, quello di «non legare il potere alle ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati