· Città del Vaticano ·

Migranti e rifugiati

Diritti negati a 84 milioni di persone

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
Il quadro geopolitico planetario non induce a ben sperare: i flussi migratori continueranno a crescere. Sono sempre più numerose le persone costrette a lasciare la propria casa, la propria terra, il proprio Paese, abitudini, tradizioni ed affetti, per raggiungere una frontiera oltre la quale cercare una nuova vita, sperando sia migliore. Un confine per superare il quale la strada è solo privazione, violenza, abusi, dolore e troppo spesso morte. Si fugge dalle miseria, dalla guerra, dal razzismo, dalle inondazioni che distruggono i campi, dalla siccità che brucia, dalle cavallette che mangiano tutto e dai tornado che non lasciano nulla dietro di sé. Le cifre sono impressionanti: nel 2021, che non è ancora finito, il numero di migranti e sfollati ha raggiunto gli 84 milioni di persone, rispetto agli 82,4 ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati