· Città del Vaticano ·

Dalle periferie

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
Nel Malawi chiudono gli ospedali Nel Malawi almeno la metà dei reparti ospedalieri pubblici è stato chiuso, a causa dell’assenza di farmaci. La conseguenza potrebbe essere letale soprattutto «per le donne che hanno convulsioni durante il parto o la pressione alta», ha il presidente dell’Associazione degli anestesisti del Paese africano. La pandemia ha reso più competitiva la corsa al rifornimento e la dipendenza dai produttori di farmaci. I Paesi più deboli ne hanno risentito. Nel Malawi mancano le attrezzature, i salari sono bassi e il personale non è qualificato. Le condizioni di lavoro spingono gli operatori sanitari a cercare impieghi meglio retribuiti fuori dal Paese o presso strutture sanitarie private. Il ministero della Salute ha aggiunto che i Central Medical Stores sono in debito ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati