· Città del Vaticano ·

Tra guerra e pace

Arco Alpino: confine di ieri e di oggi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 novembre 2021
Ce ne sono di tutti i tipi: ideali e geografiche, fisiche e virtuali, di fili spinati e di pregiudizi, per impedire l’uscita (come il muro di Berlino) o per bloccare l’ingresso, immaginarie e così reali, da essere dette naturali. E, così, fiumi e monti, che sono “fisiologicamente” vie di comunicazione e incontro, di scambio e valico, finiscono, per volontà politica, per essere barriera. Guardando al percorso della storia, dall’antichità alla Grande Guerra, emblema di quanto una meraviglia della natura possa diventare una lama di rasoio su cui sono sospese vita e morte, sono proprio le Alpi. «Le Alpi sono state spesso trasformate dalla crudeltà della storia in teatri dell’assurdo, in cui il codice della montagna ha dovuto cedere il passo a quello del fucile, violando la legge dell’alpino, che ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati