· Città del Vaticano ·

Un racconto di Truman Capote sulla forza del perdono

Buddy e la spilla rubata

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 novembre 2021
Alla fine di questo annus horribilis potrebbe essere particolarmente piacevole riassaporare il frutto di una lezione semplice ma accattivante, che Truman Capote ha saputo impartire con maestria, non attraverso le pagine dei suoi capolavori, come Colazione da Tiffany e A sangue freddo, bensì tramite uno dei suoi più piccoli ma avvincenti racconti, Il Giorno del Ringraziamento, descrivendo il normale flusso della vita in una sperduta comunità rurale nel profondo Sud degli Stati Uniti negli anni Trenta e su come, nonostante le inevitabili difficoltà dell’esistenza, con l’amore sia possibile resistere alla corrosione della quotidianità. Un bambino di appena 8 anni, Buddy, è preso di mira da un compagno di scuola 4 anni più grande di lui, tale Odd Henderson, che gli rende impossibile la vita. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno