· Città del Vaticano ·

L’udienza generale su san Giuseppe

Protagonista discreto
e nascosto
della storia della salvezza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 novembre 2021

San Giuseppe è colui «che passa inosservato, l’uomo della presenza quotidiana, discreta, nascosta», ma che è «una guida nei momenti di difficoltà». Come quelle persone che stanno apparentemente nascoste o in “seconda linea” «ma sostengono lo sviluppo della nostra vita, con la preghiera, l’esempio, l’insegnamento». Lo ha detto stamane Papa Francesco all’udienza generale, che per la presenza di numerosi fedeli si è svolta in due momenti distinti: nella basilica Vaticana, dove il Pontefice ha rivolto un saluto ai presenti; poi nell’Aula Paolo vi , dove ha tenuto la seconda catechesi sullo “sposo di Maria”, soffermandosi sul suo ruolo nella storia della salvezza e concludendo con una preghiera «che aiuti a trovare in San Giuseppe un alleato» quanti «fanno fatica, arrancano, si sentono soli, non hanno la forza e il coraggio per andare avanti».

L'udienza generale