· Città del Vaticano ·

Dall’inizio del conflitto le vittime sono già 337.000

Lo Yemen dimenticato

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 novembre 2021
San’a, 24. «Lo Yemen è oggi il posto più difficile al mondo in cui essere un bambino». Le recenti dichiarazioni dall’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, lasciano pochi spazi ai dubbi su quanto sta accadendo nel Paese arabo e sulla drammatica crisi umanitaria in atto («la peggiore del mondo», come l’ha definita l’Owp, The Organization for World Peace). Una voragine di orrore — spesso dimenticata dagli organi d’informazione internazionali — che rischia d’inghiottire i più fragili, gli indifesi. Dall’inizio del sanguinoso conflitto — nel marzo del 2015 — le vittime accertate sono ben 337.000, la maggior parte civili inermi. Lo indica un rapporto dell’Agenzia per lo sviluppo dell’Onu (Undp), precisando che il 60% delle vittime è stato causato dagli effetti indiretti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati