· Città del Vaticano ·

Dante e Dostoevskij a confronto

Due scrittori

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 novembre 2021
Nel 2021 oltre ai duecento anni dalla morte di Dostoevskij si celebrano anche gli settecento di quella di Dante. Il destino ha voluto associare in tal modo per sempre questi due grandi della letteratura mondiale. Volendo cercare nell’opera dello scrittore russo quanto è presente il poeta fiorentino, stando al  Dizionario statistico della lingua di Dostoevskij  (Moskva, 2003), il rimando a Dante occorre quattro volte, tre in opere letterarie, lo cita per esempio lo stesso Ivan Karamazov all’inizio del racconto del Grande Inquisitore, e una volta in un articolo del 1862, qui il riferimento è direttamente alla  Divina Commedia  della quale afferma che «espresse nella sua epoca la fede e gli ideali dei cattolici del medioevo» (PSS 20, 29). La frequenza del vocabolo è simile a quella di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati