· Città del Vaticano ·

L’introito della messa nella prima domenica di Avvento

«Ad te levávi»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 novembre 2021
La messa della prima domenica di Avvento si apre con l’introito Ad te levávi. Il compositore prende in prestito i primi versetti del Salmo 24 (25) adattandoli alla sua esigenza meditativa e compositiva. Ad te [Dómine] levávi ánimam meam. Deus meus, in te confído non erubéscam neque irrídeant me inimíci mei étenim univérsi qui [sústinent te] te espéctant non confundéntur. Dal punto di vista scritturistico questo salmo, come altri del salterio, è organizzato secondo una struttura acrostica, cioè la prima lettera di ogni verso corrisponde alle lettere dell’alfabeto ebraico. Il componimento è un intreccio di vari stati d’animo, ma non contrapposti: lamento, fiducia, riflessione. I versetti che il nostro autore-compositore prende in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno